In silenzio

Non saranno più insieme le radici dell’erba
i muschi ai bordi della strada
le mie scarpe consunte.

Il volo che attende l’acqua, sulle rocce
il respiro della schiuma che attenua i passi.

Non più scorciatoie
sentieri e strade di un libro segreto;
l’aria di passeri e bruchi,
la morte del maschio di locusta.

Non sciuperò il silenzio
tergendo lacrime all’inverno
rinuncerò al cielo visitando l’erba,
un lembo di seta sulla tua pelle.

Non chiuderò la porta al mio delirio,
entrerò in silenzio dentro ai sogni

( le anime alate non hanno mai paura )

fissando il buio, ospite inatteso,
graffiando versi fra imposte chiuse.

L’esilio nel lato estremo del risveglio
un soffitto retratto all’infinito
ciottoli bagnati sulla strada.

Una vita meno complicata,
una sponda,

un albero fatale contro cui schiantarsi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>